venerdì 19 febbraio 2016

I vini delle streghe

Cinque  particolari vini magici per le streghe.


Care consorelle e confratelli,
quest'oggi vorrei proporvi cinque vini celebri nella tradizione wicca. Sono prodotti caserecci e difficilmente si trovano in commercio, tranne uno, che non è un vero e proprio vino, ma possiamo farcelo rientrare in senso stregonico in quanto bevanda degli dei. Indovinate quale...
Alla vostra!

VINO AL MELILOTO

Il meliloto è un'erba appartenente alle leguminose molto ricca in cumarina, una sostanza dalle proprietà calmanti e drenanti. Per prepararne un vino, basta aggiungerne qualche rametto e lasciarlo in infusione per dieci giorni.

VINO AL TRIFOGLIO

Foglie e fiori di trifoglio (qualche manciata)
1 bottiglia di vino rosso
1 bottiglia di vino bianco
Mezza tazza di zucchero
1 limone
1 pizzico di cannella

Pulire il trifoglio, tritarlo, spremervi il succo di limone e conservare la buccia. Unire a questo punto il tutto in una pentola con il vino. Mischiare, e aggiungere la buccia del limone. Il composto andrà conservato in frigo per due giorni, mescolandolo ogni tanto. Passati i due giorni, si dovrà filtrare il trifoglio (non la buccia del limone!) e aggiungere lo zucchero e la cannella. Mischiare ancora e conservare in frigo fino alla degustazione.

VINO DI MAGGIO

250 gr di asperula
150 gr di zucchero di canna
150 cc di acquavite
750 cc di vino bianco

Bollire il vino, versarlo sull'asperula e far macerare per due ore e mezzo. Filtrare e aggiungere lo zucchero e l'acquavite. Filtrare di nuovo dopo un'ora con una garza, e imbottigliare. Si tratta di un ottimo tonico.

SIDRO DI MELE

10 kg di mele (con la buccia)
10 l di acqua
1 kg di zucchero
1 cubetto di lievito di birra

Bisogna mischiare in un grosso mastello le mele tritate con lo zucchero e versarci l'acqua bollente. Il tutto dovrà riposare in una stanza con temperatura fra 22 e 20° per una notte. La mattina dopo vi sbricioleremo sopra il lievito di birra e lasceremo riposare per altre 24 h. Il composto dovrà riposare una settimana, ma dovremo mescolarlo due o tre volte al giorno, aggiungendo alla fine ancora un po' di acqua e di zucchero (qb). Una volta filtrato, il composto dovrà riposare  un altro giorno e andrà poi versato in piccole damigiane con tappi per la fermentazione. Il travaso avverrà dopo tre settimane,  e dopo tre mesi dovremo passare ad altre damigiane pulite, per far depositare il fondo. Dopo tre mesi ancora, si potrà imbottigliare.

VINO DI SAMBUCO

5 kg di bacche di sambuco
350 gr di uvetta
3 kg di zucchero
3 cucchiai di acido citrico
2 cubetti di lievito di birra
10 l d'acqua

Il procedimento è lo stesso usato per il sidro.

Nessun commento:

Posta un commento