domenica 29 maggio 2016

La pannocchia incantata

Un buffo amuleto per realizzare desideri.



Care consorelle e confratelli,
i cereali sono stati spesso associati al divino sin dall'antichità, in quanto alimento base di numerose popolazioni. La pannocchia di granturco è al contempo essenza maschile (per la forma fallica), e femminile (per il succo biancastro, come il latte, che si ottiene schiacciando i semi): una struttura a spirale che è pure Dea dell'Abbondanza, dunque.
Procuratevi una pannocchia essiccata a semi colorati, una base di legno di 10 cm di diametro ca, un chiodo a testa larga, una matassa di lana bianca, colla, martello, farina gialla e una zuppierina. La 'ricetta' prevede delle piume, e non dovrebbero essere sintetiche, ma io le preferisco a quelle strappate ai volatili da cuocere, ohibò. Se poi ne trovate di vere in giardino, al parco o dovunque possano essere cadute senza danno, è sicuramente meglio che spennare un povero animaletto.
Appoggiate la base fra due mattoni, due sassi, o comunque qualcosa che vi permetta di piantarvi al centro il chiodo senza rompere per esempio due libri - possibilmente :) - capovolgete la base, mettete la colla intorno al chiodo fuoriuscito e spingeteci sopra la pannocchia fino a farle toccare il fondo. Cospargete poi di colla la stessa pannocchia per farvi aderire il filo fino alla cima e disponete in 'testa' le piume come se fosse una parrucca.
Questo simpatico amuleto, caricato con le vostre invocazioni preferite, dovrà essere posto in una zuppierina con un po' di farina gialla. Starà poi a voi, esprimere il desiderio.
Che la Dea vi benedica

Per approfondimenti:
Scott Cunningham e David Harrington - Gli strumenti magici (Armenia)

Nessun commento:

Posta un commento