lunedì 16 gennaio 2017

Preparati di eupatorio

Qualche idea 'amarognola' per vini, tisane e decotti.


Care consorelle e confratelli,
questa piantina erbacea è assai diffusa nei luoghi umidi ed erbosi, soprattutto lungo i corsi d'acqua, dalla pianura alla montagna, e fiorisce dall'estate all'autunno.
Il suo rizoma è diuretico e vermifugo, mentre le sommità fiorite sono utili come amaro, astringente e vulnerario. Con 50 gr rizoma si può preparare un decotto in 1 l di acqua bollente (cottura: 30 minuti), mentre con la stessa quantità di sommità fiorite potremmo ottenere una tisana da filtrare, per poi berne circa tre tazzine al giorno.
Con l'eupatorio è possibile anche preparare un vino contenente i vari principi attivi elencati. Bisogna macerare per 8-10 giorni 50-80 gr di rizoma e radici essiccati e sbriciolati in 1 l di vino bianco. Durante la macerazione è necessario agitare il recipiente di tanto in tanto, fino al giorno in cui si potrà colare e filtrare.
Che la Dea vi benedica

NO ALLE CURE ALTERNATIVE PER I DISTURBI GRAVI

Nessun commento:

Posta un commento