giovedì 12 settembre 2019

I miei uomini #19: Diego

"I protagonisti sono quanto di più diverso tra loro si possa immaginare eppure vengono descritti e raccontati alla perfezione, ognuno con le sue caratteristiche, ognuno con pensieri e azioni distinguibili che li rendono unici eppure perfettamente bilanciati nell’insieme." - Dal blog "Storie di notti senza luna"



Care consorelle e confratelli,
per quanto nei romanzi rosa i rocker scapestrati mettano la testa a posto non appena trovano l'eroina di turno, nella vita reale difficilmente rinsaviscono in tempo utile per crearsi una famiglia. Ma "Le streghe della porta accanto" (vedi qui la trama) è un fantasy, e se il gap generazionale fra LUI e LEI è assai ampio, forse il margine di rinsavimento c'è.


D’un tratto, ebbe come l’impressione che la persona ritratta nella foto sulla mensola del camino, forse quell’anziana zia che aveva lasciato la rendita, avesse voltato lo sguardo verso di lui.
Doveva essere proprio al massimo dell’intontimento, se gli scappò di esternarlo: «Per un attimo, ho pensato che la foto si fosse mossa.»
Ma probabilmente fu un bene, perché Vanessa gli corse incontro e rovesciò la cornice sulla mensola. «Che impressione, vero?» E lo rilassò con una risata. «È successo anche a me, devono essere le luci.» Ora la cornice ribaltata traballava sulla mensola. Ma non gli pareva che ci fosse il terremoto. «Rimbalza sempre quando faccio così.» Vanessa tirò di nuovo su il riquadro, che stavolta rimase fermo al suo posto. «Ogni tanto provo a rovesciarla per via di questa impressione, ma Miranda tiene così tanto a zia Gigliola...»
«Miranda ti ha imposto il coprifuoco?» bisbigliò, chinandosi leggermente verso di lei.
«No, del fuoco ancora non mi ha parlato, però ho avuto problemi col vento.»
Quello sventolarsi il collo era un linguaggio in codice per dirgli che stava provando un certo bollore anche lei, senza farsi sentire dalla zia?
Provò a sedersi sul divano, allungando un braccio sulla spalliera – che buffi quei quadernini... – nella speranza che lei accettasse il suo muto invito a sederglisi accanto, ma quel gatto maledetto, con un balzo improvviso, gli saltò sulle gambe e lo fece starnutire di nuovo.
Si alzò di scatto, mentre quel cretino di Manuel gli correva incontro con lo spray, imbarazzandolo con quel gesto poco seducente.
«Che figlio assennato che hai!» Miranda notava solo i gesti cretini, evidentemente.
«Credo che possiamo tornare di là, ora.» Forse Manuel non aveva tutti i torti, visto come stavano andando le cose.

E se fosse proprio una ragazzina sciocca a metterlo di fronte ai suoi stessi difetti mostrandogli quanto possano far male?
Che la Dea vi benedica

Immagine: Pexels/Pixabay

sabato 7 settembre 2019

Le mie donne #15: Miranda

"Miranda è più brava, esperta. Ed è in grado di poter aiutare sua nipote e indirizzarla verso un corretto uso della magia.  Le cose non saranno così semplici..." - Dal blog "Tratto Rosa"


Care consorelle e confratelli,
ho sempre trovato patetiche quelle storie d'amore cinematografiche in cui la bella attrice di una certa età deve interpretare la mamma della più giovane eroina che magari è alle prese con un lui dell'età della madre, e per questa madre l'happy end arriva quando incontra un baldo ottantenne, magari il padre di lui. Non è giunto il momento che la situazione si inverta e che semmai sia il figlio di lui a innamorarsi di una donna ancora desiderabile? Ecco, "Le streghe della porta accanto" (vedi qui la trama) è arrivato così, sebbene zia Gigliola ritenga sciocca anche lei...


«Luisa, madre Luisa!»
«Ma no, no!» Miranda si mise le mani tra i capelli, sibilando aria fra i denti. «Macché Luisa...»
La partenza appariva funesta. Forse era colpa sua, che aveva trascurato la nipote per anni, ben sapendo che era l’unica possibilità in famiglia per portare avanti la tradizione stregonica. Era chiaro che, al di là di ogni talento, sarebbe toccata a lei.
Strappò il foglietto dalle mani di Vanessa, che rimase impalata sul tappeto davanti al camino.
«Che ho fatto?»
«Cosa c’entra Luisa nel saluto alla Dea, secondo te?» E sbatacchiò un palmo riverso sul foglietto. «Luna, è la luna!»
«Era una enne?» Vanessa s’impettì e riprese il foglietto, stizzita, poi lo osservò poco convinta. «È scritto male, in corsivo, tutto a penna.»
«Vorresti salutare la Dea con un messaggio su WhatsApp?»
«Perché no?» Si strinse nelle spalle. «Siamo moderne.»
«Ecco, appunto, tanto per incominciare vedi di toglierti quei trampoli, ché già non siamo sul terriccio, e se devi distanziarti pure dal pavimento...»
«Sei tu che non mi hai dato il tempo di cambiarmi. Sono appena arrivata e già devo studiare.»
«Se per te studiare è leggere un saluto beneaugurale, non siamo messe bene.»
«E la mia roba? Dove sono tutte le valigie che ho fatto arrivare?»
«Qui non sono arrivate valigie. Come le hai mandate?»
«L’ho pensato.»
«Allora mi sa che dovrai rifarti il guardaroba, senza sprechi.»
Vanessa calciò lontano le scarpe e incrociò le braccia sul petto. «Io non ci sto capendo niente.»
«Sei qui per capirci qualcosa.»
«Gli uomini le preferiscono sciocche.» Una voce si levò dalla mensola del camino. «Quelle intelligenti non sgravano e a ogni generazione la nuova adepta è la figlia della sorella più scema.» Zia Gigliola pontificava dalla foto incorniciata, lo sguardo volto altrove, la crocchia grigia che svettava come una corona. «Di questo passo finiremo per sempre.»

Sì, al di là delle aspettative, Miranda dovrà faticare ben più di Vanessa, ma togliamoci pure la soddisfazione di farla sudare pure al baldo ventenne...
Che la Dea vi benedica


Foto di Igor Igorevich/123rf.com

venerdì 6 settembre 2019

Le mie donne #14: Vanessa

"Ho trovato fantastica Vanessa con i suoi modi così svampiti, è proprio la sua ignoranza che la rende simpatica." - Dal blog "Romance Non-Stop"


Care consorelle e confratelli,
chi ha detto che le protagoniste dei romanzi rosa devono essere forti, intelligenti e piene di sani valori? Non ne abbiamo già troppe? Non sarebbe più divertente vedere cosa potrebbe succedere con una ragazza sciocca, sprovveduta e vanitosa? Non cattiva, badate bene, solo tanto ma tanto sciocca, ma così tanto che sarebbe difficile trovarla insopportabile.


«Cominciamo col capire come ti è successo.»
«Come mi è successo cosa?» Vanessa aggrottò le sopracciglia, nel sedersi, e si scostò una ciocca di capelli dalle spalle
«Come hai capito che in te c’erano dei poteri.»
«Niente» replicò, con una smorfia. «Volevo delle cose che vedevo su un giornale e mentre lo sfogliavo la mia camera ha cominciato a riempirsi di quelle cose.»
«Gioielli, borsette, scarpe, vestiti...?»
«Eh, certo, e cosa sennò?»
«Non ci siamo.» Miranda scosse il capo, facendo schioccare la lingua sul palato. «Non va bene così. Desiderare oggetti materiali e usare la magia solo per quello porta disgrazie.»
«E allora a che servono le magie?»
«La magia va usata con parsimonia, per dei fini specifici.»
«E chi è questa Parsimonia?»

Eh, be', come avrete capito, zia Miranda di "Le streghe della porta accanto" (vedi qui la trama) dovrà faticare assai per portare Vanessa sulla retta via, ma in definitiva sempre di streghe si tratta, quindi qualcosa di magico prima o poi succederà...
Che la Dea vi benedica


Foto di Igor Igorevich/123rf.com

domenica 1 settembre 2019

La calandiva

Foglie grasse e fiori variopinti.


Pianta erbacea perenne, la calandiva è assai comune sui terrazzi e nei giardini per i suoi fiorellini variopinti di lunga durata, che si sviluppano all'apice delle carnose e lucide foglie verdi.
Una volta che i fiori sono seccati, si possono ridurre le irrigazioni e, passate dalle nove alle sedici settimane, la piantina fiorirà di nuovo, motivo per cui è bene conservarla anche se sembra 'morta', anche perché il ciclo può ripetersi ininterrotto indipendentemente dalla stagione. L'importante è simulare la notte per quattordici ore, coprendo la pianta.

venerdì 2 agosto 2019

Streghe in promo

Le streghe della porta accanto è in promozione a 99 centesimi!


Care consorelle e cari confratelli,
per un periodo limitato, troverete "Le streghe della porta accanto" a un prezzo ridotto di 0,99 euro. Qui di seguito, dettagli e pareri dei blog che lo hanno già letto. Se siete in cerca di letture estive e leggere, potrebbe trattarsi del libro giusto da portare sotto l'ombrellone.
Buone vacanze e...
Che la Dea vi benedica

La differenza di età può diventare un problema secondario,
se devi nascondere la tua natura di strega.

Quando Vanessa viene accolta nella casa di zia Miranda, l’ultima cosa a cui pensa è l’amore, perché ha bisogno di concentrarsi su quanto ha appena scoperto. Non è mai stata una cima, i suoi interessi sono assai materiali, quindi dovrà sforzarsi parecchio per imparare a convivere con la sua natura di strega. Deve maturare, così come la zia farebbe meglio a lasciar andare il fantasma del suo antico amore. La vita della bella Miranda è un allegro caos fatto di magie da nascondere agli abitanti del quartiere, soprattutto a quegli affascinanti comuni mortali che si sono trasferiti nella villetta di fronte: lo scapestrato Diego e il giudizioso figlio di lui, Manuel. Il primo sarebbe perfetto per Miranda, il secondo per Vanessa. Peccato che, oltre alla ‘normalità’, i due hanno un’altra caratteristica che scombina i piani e le protezioni magiche delle streghe: Diego è attratto dalle belle ragazze, mentre Manuel dalle donne mature...

Una fiaba allegra e moderna sull’importanza di accettarsi al di là di difetti e differenze.

ROMANZO AUTOCONCLUSIVO

Genere: urban fantasy/paranormal rormance
Numero di pagine: 161/166 (cartaceo)
Prezzo: 1,99 euro (ebook); 9,90 euro (cartaceo)
Data di uscita: 05/06/2019
Solo su Amazon: www.amazon.it/dp/B07SH11BM7

Per chi non possiede un lettore Kindle:

questo link è possibile scaricare un'applicazione gratuita per leggere gli ebook di Amazon su tutti i tipi di cellulari, tutti i sistemi del fisso o, ancora più comodo, sul tablet.

LEGGI ALCUNI ESTRATTI GRATUITI


***

"Le streghe della porta accanto è un romanzo allegro e spiritoso, uno scritto decisamente umoristico. Diverso dai vecchi romanzi che avevo avuto modo di conoscere e leggere della stessa autrice, ma che ho apprezzato ugualmente." - La recensione completa su Tratto rosa

"La magia diventa quotidiana, vi farà sorridere e passare qualche ora con una lettura serena che gioca sugli stereotipi, li stravolge e li rende reali e attuali. I personaggi si evolvono e diventano il fulcro di una storia con quattro protagonisti principali e una guest star felina irresistibile. Punti di vista alternati e inaspettati donano alla trama ritmo e velocità, dimostrando ancora una volta la bravura dell’autrice nel dare tridimensionalità alla storia." - La recensione completa su Storie di notti senza luna

"Una vivace storia romantica con un pizzico di magia, che fa di questo libro la lettura ideale per dare tutte insieme il benvenuto all'estate!" - La recensione completa su La mia biblioteca romantica

"Era da un po' che non si faceva leggere, e il ritorno di Anonima Strega negli store online non  avrebbe potuto essere più spensierato, ironico e spassoso." - La recensione completa su Sognando tra le righe

"Un romanzo simpatico, scorrevole e spensierato, che mi ha strappato più di una risata e catapultato in un fiaba moderna, che parla di incantesimi e buoni sentimenti, in cui l'amore va oltre la differenza d'età, superando e accettando le stravaganze di chi si ama." - La recensione completa su Italians do it better

"I dialoghi sono briosi e intriganti. Ho trovato fantastica Vanessa con i suoi modi così svampiti, è proprio la sua ignoranza che la rende simpatica (...) Una lettura davvero gradevole e simpatica che lascia un sapore dolce e un pizzico di magia nel cuore." - La recensione completa su Romance Non-Stop

lunedì 1 luglio 2019

Instagram


So di non essere costante sui social, si può dire che sia un po' asociale :), ma il motivo principale per cui non avevo ancora aperto un profilo Instagram è che non sono una grande fotografa: ho un cellulare anzianotto, le mani poco ferme e non sono una che tutti i giorni è pranzo fuori o al mare :D Tuttavia da fine aprile mi sono divertita a recuperare i vecchi consigli magici, con le foto dei minerali, dell'antro, dell'orto, dei libri, e anche con le card mi annoio meno di quello che pensavo. Sta di fatto che ora potete trovarmi pure QUI.
Che la Dea vi benedica

lunedì 3 giugno 2019

Mia Mistràl su Prime Reading

Il primo volume della serie "In cima al cuore" gratis per gli abbonati Prime Reading!


Care consorelle e cari confratelli,
volevo annunciarvi che, a partire da oggi, il primo volume della serie romance/mystery della mia metà 'non oscura' Mia Mistràl, "In cima al cuore", sarà disponibile gratuitamente per gli abbonati Prime Reading. Dopo aver rifiutato l'invito per "Le spose della notte 3" (come Anonima Strega), dato che la scelta mi era parsa poco sensata, confermo che stavolta si tratta del volume giusto, ovvero il primo. Vi ricordo che l'episodio è autoconclusivo, così come i due seguenti (in riferimento al 'caso' seguito dalla detective degli animali), per quanto la cornice preveda degli sviluppi. Vi lascio ai dettagli e...
Che la Dea vi benedica

In cima al cuore – Mia Mistràl

«Cosa vuoi fare da grande?» E, così dicendo, giunse le mani come se la stesse confessando. «La detective per animali scomparsi in circostanze misteriose?»

Per entrare in possesso di un’eredità da sogno, Chiara è costretta a scoprire chi ha ucciso l’adorata cagnolina della defunta zia Olimpia. Stando alle apparenze, Ellie è caduta in un burrone, ma Chiara non ha intenzione di lasciarsi scappare né i soldi né la deliziosa mansarda sull’Appennino che da sempre sente sua. Olimpia si è divertita da viva, e a quanto pare si diverte anche da morta, a farla giocare con gli enigmi, ma – forse – non immaginava che, per risolverli, la nipote avrebbe avuto a che fare con quell’insopportabile canaglia del veterinario del paese, nonché con un affascinante e misterioso ex forestale che sembra saperne più di quel che dice...

Romance contemporaneo
133 pagine
1,99 € (per i non abbonati)
Data di uscita: 4/5/2018
Su Amazon: www.amazon.it/dp/B07CQZM6TZ
Pagina Facebook: www.facebook.com/In-cima-al-cuore-240390596530111

Recensioni

“Libro adatto per trascorre un paio d'ore di relax e, perché no, farsi anche due risate in compagnia di questi divertenti personaggi. Consigliato da parte mia e complimenti all'autrice.” La recensione completa su Romance Non-Stop

"Se amate il fascino rude e silenzioso dell'uomo in divisa allora sarete accontentate e tiferete per Furio, mentre se siete amanti degli uomini che fanno dell'ironia la loro arma seduttiva tiferete per Leandro il veterinario. Entrambi provano del tenero per Chiara e le scene in cui ci sono tutti e tre sono davvero carine e simpatiche." La recensione completa su Leggere è sognare

"Un tuffo suggestivo nel verde dell’appennino toscano, per un’avventura avvincente tra mistero, humour e voluttà, avente come protagonisti una giovane ereditiera, vertice di un triangolo improbabile, una comunità piccola, solida e chiacchierona, e una cagnolina molto... influente." La recensione completa su Sognando tra le righe

"In poche pagine l’autrice è riuscita a costruire un intreccio semplice ma efficace, in cui il romance assume delle lievi sfumature di giallo." La recensione completa su Romance and fantasy for cosmopolitan girls

"Un suggestivo viaggio tra i monti, tra passione e sentimenti, humor e un pizzico di mistero in un appassionate inizio di una serie a cui ci si affeziona facilmente!" La recensione completa su Storie di notti senza luna

"Consiglio questo libro a chi vuole staccare un po’ la spina dalla quotidianità e dalla routine giornaliera e leggere una storia con un po’ di mistero e un pizzico di humor, il tutto avvolto nel bellissimo paesaggio montano degli Appennini." La recensione completa su Opinioni librose

"Un romance contemporaneo che si legge fluentemente, dal linguaggio semplice, fresco, gli abbondanti dialoghi danno vivacità al ritmo narrativo; i personaggi che  portano avanti lo svolgersi delle vicende sono pochi, ma le dinamiche e gli equivoci che si innescano tra loro sono divertenti, narrate con ironia e umorismo che - uniti a un pizzico di sensualità - rendono la lettura molto piacevole e stuzzicano la curiosità del lettore." La recensione completa su Chicchi di pensieri

"Di questo breve romanzo ho apprezzato la scrittura curata e le descrizioni accorte. Anch’io, come Chiara, ho trascorso molta parte delle mie vacanze di bambina in un borgo appenninico e ho riconosciuto i suoni e i colori delle parole dell’autrice con qualche malinconia." La recensione completa su Feel the Book

"Se volete una lettura senza pretese ma comunque carina allora In cima al cuore fa al caso vostro. Sarà in grado di regalarvi alcune ore di svago." La recensione completa su Italians do it better books edition

"Un romanzo per molti aspetti diverso e insolito." La recensione completa su Babette Brown legge per voi